Scopri chi è E-Muoviti 

logo_e-muoviti
logo_e-muoviti

L'energia solare a casa tua

Acquista save energy
logo_e-muoviti
logo_e-muoviti
logo_e-muoviti
logo_e-muoviti
logo_e-muoviti

E-Muoviti SRL

Viale Beatrice D'Este 24 

20122 Milano 
REA MI- 2700719
P.I. 13053090968
SDI COCK52R
Capitale Sociale €390.000

Tel. 02.800.120 

Mail info@e-muoviti.it

Guida agli incentivi fotovoltaici 2024

2024-05-24 12:00

E muoviti

Magazine, energia sostenibile, SISTEMA FOTOVOLTAICO , incentivi, energia rinnovabile, impianto solare , mercato elettrico , consumi energetici, mercato tutelato, incentivi 2024,

Guida agli incentivi fotovoltaici 2024

L'anno 2024 segna una una serie di incentivi fotovoltaici rinnovati e aggiornati che accelerano lo sviluppo della sostenibilità .

L'anno 2024 segna una una serie di incentivi fotovoltaici rinnovati e aggiornati che promettono di accelerare la transizione verso un futuro più sostenibile. Questa guida esplora in dettaglio le possibilità offerte dai vari incentivi, analizzandone i vantaggi per privati, aziende e proprietari di terreni agricoli. Esamineremo come queste misure fiscali possano non solo diminuire i costi iniziali dell'installazione di pannelli solari, ma anche incrementare l'autosufficienza energetica, migliorare la sicurezza degli immobili e sostenere l'ambiente.

Cosa cambia per i privati

Il 2024 introduce importanti novità per i proprietari di abitazioni che desiderano investire nel fotovoltaico, grazie agli incentivi fotovoltaico 2024 privati. Le principali agevolazioni includono il Superbonus, che ora consente una detrazione fiscale del 70% per interventi di riqualificazione energetica significativi, il Bonus ristrutturazione che rimane fissato al 50%, e l'IVA agevolata che varia tra il 4% e il 10%, a seconda delle specifiche dell'immobile.

 

Il Superbonus è stato ridotto rispetto al precedente 90% ma rimane un incentivo molto vantaggioso, valido fino al 31 dicembre 2024, specificamente per le costruzioni condominiali. Questa detrazione si applica agli interventi che migliorano l'efficienza energetica dell'edificio di almeno due classi energetiche e che sono pagati attraverso bonifico parlante.

 

Parallelamente, il Bonus ristrutturazione continua a offrire una riduzione fiscale del 50% sulle spese, suddivisa in quote annuali per dieci anni, per spese fino a €96.000. Questo bonus copre l'acquisto di materiali, progettazione, spese professionali e molto altro.

 

L'IVA agevolata, infine, rappresenta un notevole risparmio sull'installazione degli impianti fotovoltaici e non ha una scadenza prevista, rendendola particolarmente attraente per chi progetta interventi a lungo termine.

Le opportunità per le aziende, incentivi fotovoltaici 2024

È disponibile una gamma di incentivi fotovoltaico 2024 aziende che includono il regime del reverse charge, la Nuova Sabatini e il Decreto FER2. Questi strumenti sono progettati per facilitare l'adozione di tecnologie sostenibili e per rendere più accessibile l'investimento in energia rinnovabile.

 

Il reverse charge permette alle aziende di differire il pagamento dell'IVA sull'acquisto e installazione di pannelli solari, una facilitazione burocratica importante che alleggerisce immediatamente il carico fiscale. Questa agevolazione è valida fino al 31 dicembre 2026.

 

La Nuova Sabatini è particolarmente rivolta alle piccole e medie imprese, offrendo un credito a un tasso d'interesse favorevole per investimenti tra i €20.000 e i €4 milioni, con la possibilità di ottenere il finanziamento in un'unica tranche.

 

Il Decreto FER2, invece, incentiva le aziende a sostituire le coperture in eternit o amianto con pannelli solari, offrendo un compenso per l'energia pulita reimmessa nella rete. Questo incentivo è valido fino al 31 dicembre 2028 e si applica agli impianti con una potenza tra 20 kW e 1 MW.

 

Altrettanto importante è il Piano Transizione 5.0. Si tratta di una misura che incentiva la transizione green e digitale delle imprese italiane. In particolare, riconosce dei crediti d’imposta (fino al 45%) alle aziende che nel biennio 2024-2025 effettueranno interventi di ristrutturazione e innovazione, da cui conseguirà una riduzione dei consumi energetici. Tra i lavori agevolabili nel quadro del Piano Transizione 5.0, dunque, sono inclusi anche quelli relativi agli impianti fotovoltaici. 

 

Per quanto riguarda il Decreto CER, si tratta sempre di una misura che concede diversi incentivi, con lo scopo di promuovere la creazione di impianti alimentati da fonti rinnovabili inseriti all’interno di Comunità Energetiche, di gruppi di auto-consumatori e auto-consumatore a distanza. Prevede un contributo a fondo perduto fino al 40% dei costi ammissibili, finanziato dal PNRR nei comuni sotto i 5.000 abitanti, nonché una tariffa incentivante sull’energia rinnovabile prodotta e condivisa su scala nazionale. 

Incentivi sui terreni agricoli nel 2024

L'agrivoltaico emerge come una delle novità più interessanti del 2024, offrendo ai proprietari di terreni agricoli la possibilità di integrare la produzione energetica con le tradizionali pratiche agricole. Gli incentivi previsti per l'agrivoltaico innovativo possono coprire fino al 40% dei costi ammissibili e includono una tariffa incentivante sull'energia elettrica immessa in rete.

 

Per accedere a questi incentivi fotovoltaico su terreno agricolo, gli impianti devono essere definiti come agrivoltaici innovativi e rispettare criteri specifici, come la preservazione di almeno il 70% dell'area destinata all'agricoltura e l'installazione dei moduli a un'altezza che non interferisca con le attività agricole. Questi sistemi non solo favoriscono la sostenibilità ambientale, ma anche l'efficienza idrica e energetica, rendendoli una scelta vantaggiosa per gli imprenditori agricoli. 

Procedure e documentazione per accedere agli incentivi fotovoltaici

Per accedere agli incentivi fotovoltaico, è essenziale comprendere le procedure e la documentazione necessaria. Ogni incentivo ha requisiti specifici che devono essere soddisfatti per garantire l'approvazione e il godimento dei benefici fiscali.

  1. Superbonus 70%. Per ottenere il Superbonus, è indispensabile che i lavori migliorino l'efficienza energetica dell'edificio di almeno due classi. I pagamenti devono essere effettuati tramite bonifico parlante, che include dati essenziali come la causale del versamento, il codice fiscale del beneficiario e la partita IVA del destinatario. Inoltre, la comunicazione ENEA deve essere inviata entro 90 giorni dalla conclusione dei lavori.
  2. Bonus Ristrutturazione 50%. Anche per questo bonus è necessario il pagamento tramite bonifico parlante. Non sono previste sanzioni per mancata comunicazione entro i termini, ma è sempre consigliabile rispettare tutte le scadenze per evitare complicazioni.
  3. IVA Agevolata. Per beneficiare dell'IVA ridotta, è sufficiente compilare una dichiarazione che verrà allegata alla conferma d'ordine. Questo incentivo non ha scadenza, facilitando la pianificazione a lungo termine degli investimenti in fotovoltaico.
  4. Incentivi per le aziende:
    • Reverse Charge. Richiede l'emissione di un'autofattura da parte del cessionario e la registrazione della stessa nei registri IVA.
    • Nuova Sabatini. Necessita di un finanziamento approvato da una banca o un intermediario finanziario, con la concessione del contributo confermata dal Ministero dello Sviluppo Economico.
    • Decreto FER2. Gli impianti devono essere registrati negli appositi registri e devono soddisfare i criteri relativi alla potenza e alla reimmersione di energia pulita nella rete.
  5. Agrivoltaico. Per gli incentivi agrivoltaici, l'installazione deve assicurare che almeno il 70% dell'area sia dedicata all'agricoltura, con i moduli fotovoltaici posti ad altezze che non ostacolino le attività sottostanti. Inoltre, è richiesta una dichiarazione post-investimento che confermi la conformità agli standard richiesti.

Queste procedure richiedono attenzione e precisione nella compilazione e presentazione dei documenti, essenziali per ottenere i vantaggi fiscali proposti.

Efficientamento energetico, riduzione dei consumi

Parallelamente all'adozione delle energie rinnovabili, l'efficientamento energetico riveste un ruolo cruciale nella gestione dei consumi. Migliorare l'efficienza degli impianti e dell'isolamento termico degli edifici può ridurre notevolmente la quantità di energia necessaria per il funzionamento quotidiano.

 

Gli interventi di efficientamento energetico, come l'installazione di sistemi di riscaldamento e raffreddamento più efficienti, l'isolamento termico delle strutture e l'adozione di apparecchiature a basso consumo energetico, consentono non solo di risparmiare sui costi energetici, ma anche di rendere gli edifici più confortevoli e sostenibili.

 

La fine del mercato tutelato dell'energia in Italia apre nuove opportunità, ma richiede consapevolezza. I consumatori devono valutare attentamente le offerte, considerando il proprio consumo e utilizzando strumenti di confronto. Educarsi sulle opzioni è cruciale per massimizzare i benefici e scegliere soluzioni adatte alle proprie esigenze.

 

In sintesi, il 2024 segna una svolta nell'espansione dell'energia solare in Italia, con incentivi fotovoltaici rinnovati che promettono un futuro più sostenibile. Queste misure offrono vantaggi sia per i privati che per le aziende, facilitando l'accesso alle tecnologie sostenibili e riducendo i costi energetici. Tuttavia, per sfruttare appieno tali opportunità, è fondamentale comprendere i requisiti e le procedure necessarie per accedere agli incentivi. Investire nell'efficienza energetica è altrettanto cruciale, contribuendo a ridurre i consumi e a rendere gli edifici più sostenibili nel lungo termine.


facebook
linkedin
youtube
instagram
tiktok
logo-assolombarda-2020

Società associata